Blog

Occorrono occhi nuovi. Un racconto nuovo.

di Daniela Ducato

Immaginate una vera stazione elettrica dei treni del passato la cui terra oggi è prosperosa di semi e radici. Radici di piante, di memorie, di storie, radici di noi. Ben arrivati a Stazione Radio, un luogo che sento casa mia nonostante io viva in Sardegna.

Un’architettura oggi abbandonata, ma in passato abbondante dell’energia che da qui alimentava i treni. I binari morti di un tempo, ma oggi vivi grazie al susseguirsi di nascite e rinascite vegetali. L’acqua che scorre vicina e accompagna la ciclovia. Tutto questo è una somma straordinaria e unica di simboli e ossimori che ci mettono in contatto con noi stessi in modo potente. Tutto questo è Stazione Radio, dove troviamo qualcosa di noi.

Il nostro viaggio, che attraverso le storie altrui come un treno ci trasporta, muovendo le nostre rotaie dell’anima. I nostri moti interiori che necessitano di essere rinnovati per creare le nostre direzioni, le nostre fermate, le nostre partenze e ripartenze. Il nostro ristoro, il nostro stupore.

Radici vegetali, ma anche radici di parole. Parole in cui, attraverso il treno, la stazione e il viaggio ritroviamo la gran parte dei simboli di Stazione Radio

StAzione – stare, fermarsi, ripartire, scendere, salire, finire, iniziare.

Ra-Dio – il prefisso Ra è quello di ravvicinare e riavvicinare, mentre Dio èla luce, la scintilla, l’entusiasmo, l’incontro con la natura da bene-dire, le nostre misteriose dee e dei interiori da cui dipendono le fioriture della nostra anima.

Un progetto resiliente, lo so, resilienza è una parola abusata, ma di cui voglio ricordarvi le radici latine di re-salio, saltare, spostarsi, danzare. Richiama il ribaltamento, il riadattare, la parti ferite vengono curate e ritrovano memoria, salute e futuro. Così quella storia di produzione di energia, di abbondanza, poi abbandonata e dimenticata, ci restituisce nuove abbon-danze. Ed ogni parola del passato ritorna ad essere azione del presente. E così ad esempio la biglietteria diventa la podcasteria.

Un progetto pilota per tutti gli habitat ferroviari dismessi. Per collegare e dar voce a tutti i binari d’Italia, alle azioni di sostenibilità autentica che arriveranno dalle stazioni oggi attive, da quelle che verranno recuperate, fino a binari morti, in cui spesso c’è una biodiversità straordinaria capace di rigenerare e rinaturalizzare gli spazi aperti. Una rete ferroviaria fatta di relazioni, di natura ritrovata, di strade nuove che diventano stazioni di innovazione. Un racconto nuovo, reso possibile da occhi nuovi.

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
di Maurizio Guagnetti
È un amore nato a prima vista, anche se sono riuscito a vederla solo dopo un milione di volte che ci passavo davanti. Quella che oggi chiamiamo Stazione Radio…

Scrivici

Campi obbligatori*

Newsletter

Ricevi tutti gli aggiornamenti di Stazione Radio

Ascolta gli ultimi podcast, scopri i progetti in corso e preparati per i prossimi eventi da non perdere.

Campi obbligatori*